MEDIAZIONE AZIENDALE

La mediazione aziendale è un processo volontario e collaborativo nel quale un terzo soggetto neutrale assiste le parti nell'elaborare soluzioni soddisfacenti per entrambe che contemperino i loro reali interessi e quelli dell'organizzazione a cui appartengono.
Oltre il 90% delle prime mille aziende statunitensi hanno dichiarato di aver fatto ricorso all'intervento di un mediatore per la risoluzione di conflitti interni o esterni con l'obiettivo di migliorare il clima aziendale e i rapporti con i clienti e/o fornitori, risparmiando tempo e risorse interne.
Stress, ansia, irritabilità, ostruzionismo, alienazione, somatizzazione, depressione, sono solo alcuni degli effetti che il conflitto nel luogo di lavoro ha sui lavoratori ad ogni livello. Concretamente si assiste alla chiusura comunicativa, con il conseguente blocco dei flussi di informazioni la difficoltà ad eseguire le proprie mansioni. I casi più gravi di conflitto possono portare al mobbing con i suoi effetti distruttivi sulle dinamiche del gruppo.
In tutti questi casi la mediazione aziendale si è rivelata uno strumento molto efficace soprattutto là dove il conflitto era di tipo verticale, fra soggetti posizionati a livelli diversi nell'organigramma. Verso l'esterno, la mediazione può efficacemente comporre in modo informale controversie riguardanti i rapporti con i fornitori od i clienti, evitando lunghe e costose cause legali.
Il risultato dell'accordo raggiunto costituisce un contratto di tipo transattivo valido a tutti gli effetti fra le parti.

Approfondisci su Blogmediazione